CEDI il tuo credito d’imposta del 110% condominiale in ESCO.

condominio no problem scarica brochure
energia dal cielo

CESSIONE DEL CREDITO ECOBONUS SISMABONUS DA PARTE CONDOMINI PER RISTRUTTURAZIONE DI EDIFICI CIELO-TERRA RIMESSAGGI ED ANNESSI

PREMESSA

Il decreto legge rilancio 2020 (gazzetta ufficiale 128 del 29 maggio articolo 119 ) prevede la possibilità di ottenere detrazioni fiscali Irpef o Ires sugli interventi di riqualificazione energetica relativi a impianti o involucri degli edifici per la riduzione delle emissioni climalteranti e la sicurezza sismica.
Le detrazioni sono strutturali fino al 31 dicembre 2021 e non più soggette a proroga annuale come negli anni precedenti.

GAZZETTA UFFICIALE 128 del 19 maggio2020
Clicca per scaricare il vademecum ENEA

Le detrazioni riguardano solo le opere di tipo Ecobonus e Sismabonus realizzate e asseverate da professionisti abilitati (APE) . Purchè l’indice di prestazione energetica, sia maggiorato di almeno due classi (esempio da E a C) ovvero di una in caso non sia possibile tale traguardo. L’importo massimo da detrarre per singolo intervento ammonta a 60’000€ per ogni singola unità immobiliare di cui è composto l’edificio a valere sulle opere di miglioramento sismico e di 30’000€ (ad unità immobiliare) per quelle di protezione dell’ involuco esterno con cappotto termico e doppi vetri e taglio termico degli infissi da attuare, in questo caso, su almeno sul 25% della superficie esposta; Infine sono ammesse le sostituzioni delle caldaie con sistemi a pompa di calore (ad esempio i condizionatori centralizzati) o anche con pompe geotermiche o caldaie a biomassa (es pellet), inoltre si puo aggiungere a tale intervento (come eventualmente anche agli altri due precedenti) un’ impianto fotovoltaico che può coprire il totale fabbisogno energetico dell’abitazione, sia termico che elettrico, fino ad una spesa aggiuntiva di 48’000 € per un massimo di ben 20 KW di pannelli fotovoltaici (max 2400€/KW) ai quali è anche possibile aggiungere fino a 20 KWh di batterie (ovvero 20’000 € addizionali di credito (intervento da effettuare anche successivamente) un totale quindi di 158’000 € per ogni abitazione dell’immobile (sia appartamento in condominio che villetta individuale ma in quest’ultimo caso purchè sia prima casa anche di un congiunto o parente)

Fa da corollario anche la possibilità di installare a costo zero una colonnina di ricarica elettrica per veicoli a batteria.

Per l’intero intervento si potrà in alternativa utilizzare la cessione del credito derivante dalle detrazioni Irpef o Ires del 110% , anch’essa solo per gli interventi di tipo Ecobonus, condominiali o anche singoli (come detto purchè prima casa) ovvero essere cedute al fornitore ovvero ad intermediari finanziari come fondi, ESCO o istituti di credito senza sborsare in questo caso, nemmeno un soldo per l’intero ammontare.

La cessione è possibile quindi fino al 110% del credito sia in caso di interventi per il miglioramento sismico (Sismabonus) che per quelli di miglioramento energetico (Ecobonus) .

 offre un contratto di servizi integrato che dalla diagnosi energetica arriva alla realizzazione e gestione, a propria cura e spese,degli interventidi efficienza energetica e di produzione distribuita di energia.

IN MODALITA ESCO IL CONDOMINIO OTTIENE

Nessun onere finanziario per il cliente

Investe la ESCO con il contratto EPC o energy performance contract

Nessun rischio tecnico e finanziario per il cliente o l’amministratore

Per tutta la durata del contratto la responsabilità tecnica ed economico/finanziaria dell’iniziativa è in capo alla ESCO.

Il Cliente ottiene un risparmio sicuro e certificato per la durata del contratto

I corrispettivi riconosciuti alla ESCo sono una percentuale dei risparmi ottenuti attraverso l’iniziativa di efficientamento.

Il Cliente e l’amministratore può dedicarsi senza pensieri al suo Business

Il Cliente può gestire la spesa energetica servendosi della competenza e dell’esperienza di una società specializzata, concentrando le energie nel proprio core business.

Attraverso questo modello di business i clienti, senza sostenere investimenti, possono beneficiare di un risparmio immediato e misurabile, al termine del contratto diventano i proprietari dei sistemi installati.

La Esco opera con tre modelli diversi a tua scelta

MOD. SHARED SAVING

Risparmi condivisi nella durata contrattuale.

MOD. FIRST OUT EPC

Risparmio alla ESCo per la durata contrattuale.

MOD. GUARANTEED SAVINGS

Risparmi garantiti.

Come vedete in questo schema di esempio, nel primo caso il condominio paga 100.000€ all’impresa edile e riceve il 110% in 5 anni (22.000€ all’anno). Con la cessione del credito invece, entra in gioco la ESCo (NOI) , società che eroga servizi finanziari nel campo dell’efficienza energetica attraverso lo strumento di FTT (finanziamento tramite terzi). In questo caso il condominio paga alla ESCo 0 € (zero) che provvederà a cedere a sua volta il credito ottenuto o a scontarlo in proprio sui propri F24. I vantaggi fiscali andranno alla ESCo e non al condominio, ma quest’ultimo ha cosi l’opportunità di non pagare i lavori.

MODALITÀ E REGOLE PER LA CESSIONE DEL CREDITO

CHI può cedere il credito?
  • tutti i contribuenti che sostengono le spese di riqualificazione energetica, compresi coloro che non avrebbero il diritto di fruirne, in quanto l’imposta lorda non è dovuta o è assorbita da altre detrazioni. Compresi i familiari o conviventi a qualunque titolo possessori dell’immobile compresi affitto e comodato gratuito!
  • i soggetti Ires e i cessionari del credito nonchè le Esco i fondi e le banche.
A CHI si può cedere il credito?
  • tutti i contribuenti che sostengono le spese di riqualificazione energetica, compresi coloro che non avrebbero il diritto di fruirne, in quanto l’imposta lorda non è dovuta o è assorbita da altre detrazioni.
    i soggetti Ires e i cessionari del credito,
  • Esco
  • Banca
  • Propria azienda agricola
  • imprenditore con crediti da scontare (es importatore abituale ecc)
  • Fornitore
  • Parente o amico
  • Fondo ecc..

COSA PUOI FARE E QUALI SONO I COSTI MASSIMI?

Tipologia di interventoSpesa specifica massima ammissibile
Riqualificazione energetica
Interventi di riqualificazione globale eseguiti su edifici esistenti o singole unità immobiliari esistenti – Zona climatica A, B, C (montagna)800 €/mq
Interventi di riqualificazione globale eseguiti su edifici esistenti o singole unità immobiliari esistenti – Zona climatica D, E, F (Roma)1.000 €/mq
Strutture opache orizzontali: isolamento coperture
Esterno230 €/mq
Interno100 €/mq
Copertura ventilata250 €/mq
Strutture opache orizzontali: isolamento pavimenti
Esterno120 €/mq
Interno/terreno150 €/mq
Strutture opache verticali: isolamento pareti perimetrali
Esterno/Diffusa150 €/mq
Interno80 €/mq
Parete ventilata200 €/mq
Sostituzione di chiusure trasparenti, comprensive di infissi
Zone Climatiche A, B, e C (isole e sud italia)
Serramento550 €/mq
Serramento + chiusura oscurante (persiana, tapparelle, scuro)650 €/mq
Zone Climatiche D, E ed F (Roma, Milano, montagna e nord italia)
Serramento650 €/mq
Serramento + chiusura oscurante (persiana, tapparelle, scuro)750 €/mq
Installazione di sistemi di scheramtura solari e/o ombreggiamenti mobili comprensivi di eventuali meccanismi automatici di regolazione180 €/mq
Collettori solari
Scoperti750 €/mq
Piani vetrati1.000 €/mq
Sottovuoto e a concentrazione1.250 €/mq
Caldaie ad acqua a condensazione e generatori di aria calda a condensazione (*)
Pnom ≤ 35 kWt200 €/kWt
Pnom > 35 kWt180 €/kWt
Micro-cogeneratori3.100 €/kWe
Pompe di calore (*)
Tipologia di pompa di caloreEsterno/Interno
Compressione di vapore elettriche o azionate da motori primo e pompe di calore ad assorbimentoAria/Aria600 €/kWt (**)
Altro1.300 €/kWt
Pompe di calore geotermiche1.900 €/kWt
Sistemi ibridi (*) gas + pompa di calore e cogeneratori 1.550 €/kWt
Generatori di calore alimentati a biomasse combustibili
P.nom ≤ 35 kWt 350 €/kWt
P.nom > 35 kWt 450 €/kWt
Scaldacqua a pompa di calore
Fino a 150 litri di accumulo1.000 €
Oltre 150 litri di accumulo1.250 €
Installazione di tecnologie di building automation50 €/mq

(*) Se l’intervento comporta il rifacimento del sistema di emissione esistente,(necessita di verifica asseverata da tecnico abilitato) al massimale si possono aggiungere € 150/m2 per sistemi radianti a pavimento, ovvero € 50/m2 in tutti gli altri casi, dove per superficie si intende quella superficie riscaldata.

(**) Per le pompe di calore a gasil costo massimo ammissibile è di 1.000 €/kWt.

COME si può cedere il credito?
  1. CON NOI A COSTO ZERO!
  • CESSIONE IMMEDIATA CON SCONTO IN FATTURA/CESSIONE CREDITO

2. PAGANDO IN ANTICIPO COME SEGUE:

  • L’amministratore del condominio deve:
  • raccogliere le adesioni di cessione del credito dai Condòmini interessati.
  • comunicare ogni anno all’Agenzia delle Entrate i dati dei singoli Condòmini che aderiscono alla cessione, la dichiarazione di adesione e l’importo della cifra spettante con la cessione, calcolata sulla base delle spese sostenute dal condominio entro il 31 dicembre dell’anno precedente. In caso di mancata o parziale comunicazione la cessione del credito è nulla.
  • consegnare ai singoli Condòmini la certificazione delle spese personali, indicando il protocollo telematico con il quale è stata effettuata la comunicazione all’Agenzia.
QUANDO è disponibile il credito?

Il cliente che cede il credito d’imposta ha obbligo di comunicare all’agenzia delle entrate entro il 31 dicembre del periodo d’imposta di riferimento, l’avvenuta cessione del credito e la relativa accettazione da parte del cessionario, indicando la denominazione e il codice fiscale di quest’ultimo e i propri dati.

Il credito d’imposta acquisito può essere nuovamente ceduto solo quando è nuovamente disponibile.

Il credito d’imposta ceduto si considera disponibile dal 10 marzo del periodo d’imposta
successivo a quello in cui il Condomìnio ha sostenuto la spesa e nei limiti in cui il
Condòmino cedente abbia contribuito al relativo sostenimento per la parte non ceduta.
Il credito ceduto ai fornitori si considera disponibile dal 10 marzo del periodo d’imposta
successivo a quello in cui il fornitore ha emesso fattura comprensiva del relativo importo.

Isolamento termico come elemento per accedere alla cessione del credito nei lavori di riqualificazione

Quando si deve effettuare un lavoro di manutenzione sull’involucro edilizio facciate e tetti si accede alla detrazione fiscale del 50% in 10 anni.
Spesso abbinando un intervento di isolamento termico invecie (almeno 25% dell’involucro esterno) si raggiungono i valori di legge per accedere all’Ecobonus ed in tal caso su tutto l’importo si può fare una detrazione fiscale dal 110% .
Di solito l’isolamento ha un costo vicino al 10% del valore dell’intera riqualificazione pertanto in condominio ha un vantaggio esponenziale.

COSA DEVI VERIFICARE PRIMA DI PROCEDERE CI LAVORI

Titoli autorizzativi in regola compreso titolo di possesso registrato ed eventuale permesso dei proprietari ad effettuare l’intervento di ristrutturazione, urbanistica a posto, catasto aggiornato, inoltre per la sostituzione caldaia: libretto caldaia in regola col rapporto di efficienza, APE aggiornata, varie ed eventuali da verificare col nostro tecnico.

FACCIATA TRADIZIONALE col vecchi credito d’imposta ecobonus al 50%

Il CLIENTE paga subito 100.000€ e in 10 anni gli viene restituito il 50% (50.000€).
Un condomino con 20/1000 di appartamento paga 2.000€ subito. La detrazione del 50% (1.000€) gli viene restituita in 10 anni (100€ all’anno).

> Detrazione 50%

> Pagamento all’impresa

> Hai il rimborso della detrazione in 10 anni

= costo dopo 10 anni 1000 euro.

Inseriamo un intervento di isolamento con insufflaggio dal costo di euro 10’000 per almeno un quarto della sumerficie esterna.

FACCIATA ISOLATA

Il condominio paga subito 110.000€ e in 5 anni gli viene restituito un credito del 110% ovvero 121.000€ (24’200€ all’anno) .
Un condomino con 20/1000 di appartamento paga 2.200€ subito. La detrazione del 110% (2.420€ ) gli viene restituita in 5 anni (484€ all’anno).

La coibentazione genera inolte un risparmio energetico di euro 150 circa all’anno ad appartamento.N

> Detrazione 110%

> Pagamento all’impresa

> Hai il rimborso della detrazione in 5 anni

# dopo 5 anni ho un utile di 3’170€ , il lavoro di riqualificazione così non e’ più un costo ma un guadagno e per sempre!

L’unico aspetto negativo dell’operazione e’ dover anticipare la cifra e avere una capienza per la detrazione fiscale.

Inseriamo ora la possibilità di utilizzare la cessione del credito fiscale:

FACCIATA ISOLATA CON CESSIONE DEL CREDITO

Pagamento alla ESCo

escogito
ESCo di terza rivoluzione industriale

> Detrazione 100%

> Cedi subito la detrazione!

Cediamo il credito Fiscale di 100’000 euro in dieci anni ad una ESCO sotto forma di sconto in fattura che ci riconosce ad un valore di 100’000 euro subito disponibile.
Ogni appartamento anticipa 0 euro .
Il lavoro ci costa 0 euro ovvero senza anticipare alcuna spesa.

In molti casi con ecobonus e cessione del credito il lavoro di manutenzione tetto e facciata invece di un esborso esorbitante possono essere fatti a costo ZERO

I nostri pannelli termici in AEROGEL prodotti per la NASA, ad altissimo valore λ termico, in pochi millimetridi di spessore consentono rifacimenti interni senza alterare in alcun modo la facciata.

Insufflaggio pareti a costi vantaggiosi: esempi reali.

Condominio: Via Maggio a Terni – 28 Unità Abitative

Intervento: RIFACIMENTO COPERTURA E ISOLAMENTO APPARTAMENTI

Importo lavori realizzati e pratiche: € 186.000 iva compresa

L’importo dei lavori a unita’ abitativa: € 6.645 in 10 rate mensili. Applicando la cessione del 110% del credito d’imposta

Il risparmio medio annuo spese riscaldamento: € 285,00

totale spesa netta pro-capite: € 0 contro i 6’645 euro iniziali per riqualificare tetto e facciata senza tale bonus.

Condominio: Via Centurione Belli Cagliari – 56 Unità Abitative

Intervento: RIFACIMENTO FACCIATA CON ISOLAMENTO TERMICO E NUOVO IMPIANTO TERMICO A METANO

Importo lavori realizzati e pratiche: € 777.000 iva compresa genererebbe senza contributo un costo di 13’800 euro ad appartamento.
Applicando la detrazione Fiscale 110% alla caldaia e contemporaneamente 110% alla facciata e cedendo il credito fiscale non costerà alcunchè.

L’importo medio annuo a unità abitativa: € 715 ( pari a 60 euro al mese ), ma il risparmio energetico dei due lavori e’ di ben 765 euro all’anno ad unità abitativa.

Invece di pagare 13’800 incassiamo 400 euro al mese (sotto forma di mancato costo riscaldamento) senza sborsare nulla!!!!

Condominio via Poma a Palermo – 15 Unità Abitative

Intervento: RIFACIMENTO FACCIATA IMPIANTO CONDIZIONAMENTO E RAFFRESCAMENTO OLTRE A FOTOVOLTAICO E BATTERIE PER ACCUMULO

Importo lavori e pratiche: € 149.380 iva compresa

Detrazione Fiscale 50%: importo finale pro capite: 9960 € rateizzato dall’impresa edile 664 in 15 rate mensili

ALTERNATIVA: rifacimento facciata con aggiunta di impianto fotovoltaico batterie di accumulo e impianto di condizionamento a pompa di calore (condizionatori anzich’è caloriferi)
importo lavori e pratiche: € 175.780 iva compresa

Detrazione fiscale 110% con cessione del credito di imposta importo finale pagato euro 0

Contattaci PERCORSISOLARI.IT per maggiori informazioni e per richiedere un sopralluogo gratuito.

ATTENZIONE:

Le spese del visto di conformità rientrano tra quelle detraibili al 110%.

Affidarsi fin dall’inizio ad esperti  a costo zero è essenziale oltre che gratuito per garantire il Superbonus 110%.

.

www.percorsisolari.it oppure contattaci: info@percorsisolari.it


wp_1165603

No description.Please update your profile.

LEAVE A REPLY

    Agosto: 2020
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
WhatsApp chat